Mattarella come Pertini: l’esultanza a Wembley fa impazzire i social – VIDEO

Il Capo dello Stato è volato a Londra per fare il tifo per gli Azzurri nella finale di Euro 2020. Al gol del pari di Bonucci l'esultanza di Mattarella e il paragone con Pertini: "Grande riconoscenza a Roberto Mancini e ai nostri giocatori"

article
Mattarella come Pertini: l'esultanza a Wembley fa impazzire i social
newsby Redazione12 Luglio 2021



L’esultanza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella in tribuna a Wembley dopo la vittoria dell’Italia sull’Inghilterra nella finale degli Europei ha letteralmente fatto impazzire i social. Il Capo dello Stato, volato a Londra per tifare gli Azzurri, alla fine della gara ha festeggiato con gioia insieme al presidente della Federcalcio italiana, Gabriele Gravina, e le altre persone presenti nella tribuna d’onore.

Poi un lungo applauso in piedi prima della premiazione che ha incoronato la Nazionale italiana campione d’Europa per la seconda volta nella sua storia. Mattarella ha assistito con il consueto aplomb istituzionale al match, iniziato subito con una doccia gelata per gli Azzurri del ct Roberto Mancini: il gol del vantaggio inglese siglato da Shaw dopo soli due minuti di gioco.

Pareggia l’Italia, Mattarella esulta come Pertini

Ma il meglio è arrivato nella ripresa: al 67esimo, il presidente della Repubblica ha esultato al gol del pareggio di Bonucci con un urlo e un gesto euforico delle mani rivolte verso il cielo. Ed è stata questa immagine, che ha fotografato l’attimo di gioia di un Paese intero, a far scatenare i social network.

“Grazie, Presidente”, “Che signore, che stile!”, “Mattarella, ti si vuole bene”, ha sentenziato il popolo del web. In molti hanno anche paragonato il Capo dello Stato a un suo predecessore, Sandro Pertini, che nella finalissima dei Mondiali di Spagna 1982, al gol del raddoppio di Tardelli, scattò in piedi con i pugni alzati e la sua iconica pipa in una mano.

Il Capo dello Stato prima dei calci di rigore

Lo stato d’animo di Mattarella prima della lotteria dei rigori è stato invece raccontato dalla consigliera Uefa Evelina Christillin ad Agorà Estate questa mattina su Rai Tre. “Prima dei rigori (Mattarella, ndr) è stato fantastico perché ha detto: ‘Siamo nella mani, no nelle manone di Donnarumma‘. E poi così è stato”.

E poi lo stupore per l’errore dal dischetto di Jorginho, centrocampista azzurro e del Chelsea, che aveva segnato il penalty decisivo nella semifinale contro la Spagna. “Mai avrei pensato che Jorginho avrebbe sbagliato”, ha detto Mattarella, come raccontato da Christillin.

Mattarella: “Grande riconoscenza agli Azzurri”

Il Capo dello Stato ha poi celebrato su Twitter il trionfo degli Azzurri. Nella notte il profilo del Quirinale ha scritto: “Mattarella: Grande riconoscenza a Roberto Mancini e ai nostri giocatori hanno ben rappresentato l’Italia e hanno reso onore allo sport“.

Nel pomeriggio Mattarella (e a seguire il premier Mario Draghi) riceverà gli Azzurri, da poco rientrati a Roma per le congratulazioni. La squadra è arrivata questa mattina all’aeroporto di Fiumicino ed è stata accolta da circa 200 tifosi, più un altro centinaio fuori dall’Hotel Parco dei Principi di Roma. Le bandiere tricolore, l’inno cantato a squarciagola e il coro “i campioni d’Europa siamo noi”.


Tag: Euro 2020Sergio Mattarella