Djokovic ammette di aver violato l’isolamento mentre era positivo al Covid

Il tennista tramite un post di Instagram ha voluto fare chiarezza sulle polemiche e illazioni sorte dopo il suo arrivo in Australia grazie a un'esenzione medica

article
Foto Flickr | mirsasha
newsby Giulia Martensini12 Gennaio 2022


Continua la saga di Novak Djokovic che ha deciso, attraverso un post di instagram, di fare chiarezza in merito ai suoi spostamenti nelle settimane prima di sbarcare in Australia.
Il tennista ha ammesso di aver violato le regole di isolamento dopo essere risultato positivo al Covid il mese scorso, descrivendolo come un “errore di giudizio”.
Il serbo ha ammesso di aver incontrato un giornalista per un’intervista due giorni dopo essere risultato positivo al test il 16 dicembre.
Ammetto che avrei dovuto riprogrammare“, ha scritto. I suoi spostamenti saranno ora esaminati, mentre il governo australiano sta ancora decidendo se potrà giocare agli Open nei prossimi giorni.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Novak Djokovic (@djokernole)

Il tennista ammette per la prima volta di aver avuto il Covid

Djokovic, che non è vaccinato, spera di difendere il suo titolo agli Australian Open la prossima settimana. Gli è stato revocato il visto il 6 gennaio, poco dopo il suo arrivo nel Paese. Tra le polemiche sull’esenzione dal vaccino che gli avrebbe permesso di entrare.

Lunedì, però, un giudice ha ribaltato drammaticamente la decisione e ha ordinato la scarcerazione del giocatore.

Ma il governo non ha escluso ulteriori azioni e resta la possibilità che il ministro dell’immigrazione del Paese possa annullare il visto per la seconda volta pochi giorni prima dell’inizio del torneo.

Mi sono sentito obbligato ad andare avanti e condurre l’intervista a L’Equipe perché non volevo deludere il giornalista“, ha scritto Djokovic nel post di Instagram. “Mi sono assicurato di prendere le distanze socialmente e di indossare una maschera tranne quando veniva scattata la mia fotografia“.

L’Equipe ha confermato in un articolo che la star del tennis ha indossato una maschera per tutto il tempo, anche quando il loro giornalista gli ha chiesto di toglierla per cinque minuti. Il giornalista, Franck Ramella, ha detto che gli era stato detto di non chiedere a Djokovic del suo stato di vaccinazione o dell’imminente Australian Open, quindi “non ha chiesto se avesse pensato di fare un test“.

Il tennista ha aggiunto che altri rapporti su di lui apparso in pubblico dopo il suo test positivo il 16 dicembre erano “disinformazione”.

Djokovic incolpa il suo agente per lo sbaglio nei documenti: “Errore umano”

Nel post, Djokovic ha anche incolpato il suo agente di aver commesso un errore sul modulo di viaggio che ha usato per entrare in Australia. Il modulo affermava che non aveva viaggiato nei 14 giorni prima del suo arrivo in Australia. Ma rapporti recenti suggeriscono che il 34enne si fosse recato in Serbia e poi in Spagna prima del viaggio.

Il mio agente si scusa sinceramente per l’errore amministrativo nel spuntare la casella sbagliata“, ha scritto. “Questo è stato un errore umano e certamente non intenzionale“. “Il mio team ha fornito ulteriori informazioni al governo australiano per chiarire la questione“, ha aggiunto.

La Border Force australiana, i funzionari dell’immigrazione della nazione, hanno dichiarato martedì che stavano indagando se avesse fatto una “dichiarazione falsa“. Una cosa che sarebbe motivo di cancellazione del visto.

Il tour di tennis professionistico maschile ha chiesto maggiore chiarezza sulle regole per entrare in Australia e ha esortato i giocatori a vaccinarsi.

La serie di eventi che hanno portato all’udienza in tribunale di lunedì sono stati dannosi su tutti i fronti. Incluso il benessere di Novak e la preparazione per gli Australian Open“, ha affermato l’ATP.


Tag: Australian OpenCovidNovak Djokovic