Sassoli, funerali di Stato a Roma: il saluto della politica e il ricordo dei figli

Circa 300 partecipanti alle esequie di David Sassoli a Santa Maria degli Angeli. Le parole della moglie e dei figli Claudio e Livia

newsby Redazione14 Gennaio 2022



Celebrati oggi, venerdì 14 gennaio 2022, nella basilica di Santa Maria degli Angeli a Roma i funerali dell’ex presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, scomparso lunedì. La cerimonia è iniziata alle 12 alla presenza delle più alte cariche dello Stato e delle istituzioni europee. Fra i circa 300 partecipanti c’erano anche: il Capo dello Stato, Sergio Mattarella; il premier Mario Draghi; i presidenti di Commissione e Consiglio Ue, Ursula von der Leyen e Charles Michel.

David Sassoli, 300 partecipanti ai funerali


Presenti anche ministri, leader politici, segretari di partito, il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, e a una delegazione del Parlamento europeo. All’esterno della basilica è stato allestito un maxischermo per trasmettere in diretta la cerimonia. Ieri una folla ininterrotta ha tributato l’ultimo saluto a Sassoli alla camera ardente in Campidoglio.

“Tanti lo consideravano uno di noi per quell’aria empatica. Un po’ per tutti era un compagno di classe, quello che tutti avremmo desiderato, che sicuramente ci avrebbe aiutato”. Così nella sua omelia al funerale di Stato l’arcivescovo di Bologna, il cardinale Matteo Zuppi, amico fin dai tempi del liceo di Sassoli.

La commozione della moglie Alessandra


“Avevamo ancora così tante cose da dirci, molti progetti per i nostri ragazzi. Ma continueremo a parlarci. A distanza. Perché niente è impossibile come tu ci ahi dimostrato”. Questo il messaggio d’addio commosso, sofferto e rotto dal dolore di Alessandra Vittorini, moglie di David Sassoli.

L’ultimo messaggio del figlio Claudio


“Grazie papà, buona strada e, mi raccomando: giudizio”. Rievocando una raccomandazione paterna, Giulio Sassoli, accanto alla sorella Livia, ha concluso il suo messaggio durante il funerale di Stato del padre David, in cui ha ricordato “la sua spontaneità e i modi di fare sempre autentici, in ogni contesto”. “Oltre a buongiorno e buonasera, esclamavi sempre ‘evviva’, come se anche solo incontrarsi fosse già una vittoria”, ha ricordato.

Il figlio dell’ex presidente del Parlamento Ue ha poi sottolineato “la dignità di chi non ha mai fatto pesare la sua malattia, né ora né anni fa. In un mondo di scuse, dicevi ‘sì, ma io c’ho da fa’. Ci hai insegnato che la fama e la popolarità hanno senso solo se si riescono a fare cose utili”. E ha concluso: “Passione e amore sono le parole del tuo insegnamento pronunciate fino all’ultimo”.

Le parole della figlia Livia davanti al feretro


“Ci hai insegnato a costruire una nuova solidarietà, a sperare. Perché la speranza siamo noi, se non alziamo muri e non ci voltiamo davanti alla povertà e alle diseguaglianze”. Queste, infine, le parole della secondogenita di Sassoli, Livia, davanti al feretro del padre durante le esequie di Stato. “Grazie papà, buona strada”, ha aggiunto congedandosi dall’altare dopo aver letto l’ultimo messaggio pronunciato dal padre prima di Natale.

Il ricordo degli ex colleghi del Tg1


Durante il funerale, anche gli ex colleghi del Tg1 hanno ricordato Sassoli attraverso un messaggio letto dalla giornalista Elisa Anzaldo“Hai sfondato muri di gomma con la tenacia della tua gentilezza, con l’ostentazione del rispetto che avevi per gli altri, con lo sfinimento del dialogo, la forza della prudenza e la dirompenza della tua mitezza. A noi lasci una caparbia lezione di ottimismo”.

Con voce rotta dalla commozione, Anzaldo ha rievocato quando “arrivava trafelato in studio” poco prima dell’inizio del telegiornale, il “maledettissimo vizio del fumo” e la sua ritrosia di fronte ai social network. “Lui diceva, ‘Ma io sono qui, parliamoci’. Diceva che è social buttare giù un muro, perché dietro c’è un mondo. Che è social accogliere un migrante, perché dietro di lui c’è una comunità. Che La famiglia è più ricca e moderna di un gruppone Facebook”.



Tag: David Sassoli