Tokyo 2020 è anche green: nelle medaglie milioni di smartphone riciclati

Tokyo 2020 Metal Project è l'iniziativa da cui nascono le medaglie delle Olimpiadi: i metalli sono stati ricavati da 78.985 tonnellate di materiale tecnologico in disuso

article
Giorgia Bordignon
newsby Marco Enzo Venturini4 Agosto 2021


Non solo una festa per lo sport, ma anche un occhiolino all’ambiente. Questo rappresentano le Olimpiadi, quantomeno per quanto riguarda uno degli aspetti centrali dei Giochi: le medaglie. Che sono sì d’oro, argento e bronzo, ma sono anche il frutto di un’importante operazione green, che risponde al nome di Tokyo 2020 Metal Project.

In che cosa consiste Tokyo 2020 Metal Project

Le medaglie olimpiche sono state infatti realizzate anche tramite il riciclo di componenti di vecchi smartphone. L’organizzazione ha infatti utilizzato qualcosa come 78.985 tonnellate di materiale tecnologico in disuso, recuperato per l’occasione. E il Tokyo 2020 Metal Project ha sfruttato, oltre a residui di telefoni cellulari ormai smantellati, anche le componenti di altri device tecnologici. Gli smartphone utilizzati ammontano all’incredibile cifra di 6,21 milioni.

Lo stesso sito ufficiale delle Olimpiadi riassume l’operazione, che ha richiesto diversi mesi e ha coinvolto l’intero Giappone. La popolazione nipponica ha raccolto e poi fuso – letteralmente – montagne di smartphone dismessi, stampanti e televisori. Un’operazione non semplice, dato che le componenti necessarie per le medaglie di Tokyo 2020 erano da separare dal materiale non utilizzabile.

Le Olimpiadi della sostenibilità e della creatività giapponese

Come gli atleti che arrivano alla vittoria con sacrifici e sofferenza, le medaglie somigliano a pietre grezze che sono state lucidate e adesso brillano“, si legge nel sito ufficiale di Tokyo 2020. E infatti l’oro, argento e bronzo delle medaglie proviene dalle parti che i dispositivi tecnologici celano nelle loro componenti. E che sono realizzate proprio con tali preziosi materiali.

C’è però anche dell’altro. Perché l’operazione non vuole essere solo sostenibile, ma anche strizzare l’occhio alla creatività giapponese. Il design delle medaglie di Tokyo 2020 (le stesse che hanno salutato le tante vittorie record raccolte dall’Italia) è frutto infatti di un concorso su scala nazionale. Il numero dei partecipanti è stato di 400, e il vincitore ha curato l’aspetto degli oggetti inseguiti dagli atleti di tutto il mondo. E che, chissà, sul podio dei Giochi potrebbero aver stretto tra i denti anche un pezzettino di un nostro vecchissimo cellulare.


Tag: GiapponegoodOlimpiadiTokyo 2020