PlayStation Showcase 2021, tra conferme e grandi sorprese

Gli annunci importanti non sono mancati, ma le aspettative erano talmente alte che alcuni fan sono rimasti delusi lo stesso

article
newsby Alessandro Bolzani10 Settembre 2021


Quando si avvicinano i grandi eventi videoludici capita spesso che le aspettative dei fan inizino a diventare sempre più alte. E quando si ha così tanto hype in corpo, diventa molto difficile non restare delusi anche da quella che, a conti fatti, è stata una conferenza più che solida. Credo che siano state proprio le aspettative esagerate a portare molte persone a esprimere la propria insoddisfazione sui social media al termine del PlayStation Showcase 2021. È vero, l’evento non è stato perfetto e di alcuni videogiochi molto attesi non si è vista nemmeno l’ombra (Horizon Forbidden West e Final Fantasy XVI, per esempio), ma i momenti memorabili non sono mancati.

I punti più alti del PlayStation Showcase

Il ritorno di una leggenda

Alzi la mano, per esempio, chi si aspettava la conferma ufficiale del remake di Star Wars: Knights of the Old Republic per PlayStation 5. Del gameplay vero e proprio non si è visto nulla, ma è bastato un semplice teaser di pochi secondi per far piangere di gioia migliaia di fan della fortunata saga di George Lucas. Molti fan considerano il capolavoro di Bioware uno dei giochi di Star Wars più belli mai realizzati e vederne una versione per current gen è un sogno proibito che diventa realtà.

Tra dei norreni, supereroi e… automobili

Nella parte finale del PlayStation Showcase sono arrivate altre tre sorprese enormi: un nuovo trailer di God of War: Ragnarok (che ha miscelato con cura momenti di gameplay e cutscenes) e l’annuncio di Spider-Man 2 e Marvel’s Wolverine.

La nuova avventura di Kratos promette faville, sia in termini di gameplay che sotto il profilo narrativo. Da quel poco che si è visto, il combat system sembra più solido che mai e la presenza a schermo di numerosi nemici piuttosto diversi tra loro indica che per vincere gli scontri potrebbe essere necessaria un po’ di strategia in più rispetto al passato. Anche stavolta Atreus avrà un ruolo attivo durante i combattimenti e sfruttare le sue nuove abilità potrebbe rivelarsi essenziale per uscire dalle situazioni più spinose. Anche dal punto di vista grafico, nonostante qualche compromesso legato alla natura crossegen del titolo, si possono notare dei passi avanti importanti rispetto al precedente capitolo. La pulizia visiva è di altissimo livello e anche le ambientazioni sembrano più dettagliate che mai.

Cosa sappiamo di Marvel’s Wolverine?

Non c’è molto da dire, almeno per ora, su Marvel’s Wolverine. Sviluppato da Insomniac Games, la stessa software house che ha curato le avventure di Spider-Man su PlayStation 4 e PlayStation 5, il gioco dovrebbe poter contare su un’atmosfera abbastanza cupa, in linea con la psicologia che ha sempre contraddistinto il membro degli X-Men. Difficile lanciarsi in congetture sul gameplay o sulla trama: nel teaser trailer non ci sono elementi che permettano di sbilanciarsi troppo su uno dei due elementi. È probabile che per saperne di più sul progetto sarà necessario portare pazienza ancora qualche mese.

Da grandi poteri derivano grandi responsabilità (di nuovo)

Se il ritorno di Spider-Man su PS4 è stato un successo e la (grande) parentesi dedicata a Miles Morales ha convinto pubblico e critica, è lecito aspettarsi grandi cose anche dalla nuova avventura dell’arrampicamuri su PlayStation 5. Proprio come nel caso di Marvel’s Wolverine, anche di questo nuovo titolo si è visto solo un teaser, ma trattandosi di una IP già conosciuta il “salto nel buio” fa molta meno paura (se le cose si mettono male si possono sempre lanciare le ragnatele, no?). Le prime informazioni disponibili permettono di capire che nel gioco ci saranno sia Peter Parker che Miles Morales, entrambi chiamati ad affrontare una minaccia ben nota a chi è cresciuto con i fumetti e i libri di Spider-Man: Venom! La nota dolente è che il titolo non uscirà prima del 2023.

Gran Turismo 7

Per tutti gli amanti dei simulatori dei giochi di guida, vedere in azione Gran Turismo 7 dev’essere stata una vera gioia per gli occhi. L’esclusiva PlayStation 5 promette di sfruttare al massimo le potenzialità della nuova console Sony per offrire ai giocatori un’esperienza completa e immersiva. Il trailer si è soffermato molto sulle infinite possibilità di personalizzazione delle vetture, sulla grande varietà delle stesse e sull’elevato numero di tracciati presenti. Il gioco arriverà sugli scaffali dei negozi il 4 marzo 2022.

Il resto del PlayStation Showcase

Escludendo gli annunci roboanti, il resto del PlayStation Showcase 2021 ha alternato momenti non troppo esaltanti (ormai GTA 5 lo conoscono anche i sassi e Vampire: The Masquerade – Bloodhunt continua a sembrare troppo lontano dalle atmosfere dell’omonimo gioco di ruolo) a piacevoli conferme. Il trailer di Project Eve, per esempio, ha permesso di ammirare quello che ha tutta l’aria di un essere un action solidissimo, molto influenzato dall’ottimo lavoro svolto da Platinum Games su Bayonetta e Nier: Automata.

Forspoken, un tempo noto come Project Athia, continua ad affascinare con ambientazioni suggestive e una trama che potrebbe rivelarsi più profonda del previsto.

Tchia, il cui gameplay sembra influenzato da The Legend of Zelda: Breath of the Wild, ha portato per qualche minuto i giocatori nelle atmosfere colorate e pacifiche della Nuova Caledonia.

Tiny Tina’s Wonderland, invece, ha ricordato ai giocatori quanto possa essere fuori di testa l’idea di introdurre le armi di Borderlands in un mondo fantasy.


Tag: PlayStation 5SonyVideogiochi