Michael Sheen è diventato un attore no profit

L'attore e attivista ha annunciato che utilizzerà i guadagni futuri per finanziare progetti sociali dopo aver venduto le sue case a favore dell'organizzazione della Homeless World Cup 2019

article
Foto Wikimedia Commons | Gage Skidmore
newsby Giulia Martensini7 Dicembre 2021


L’attore e attivista gallese Michael Sheen, famoso per le serie tv di successo “Master of sex” e “Good omen” ha deciso di donare tutti i suoi averi in beneficenza.

Dopo aver venduto le sue case per assicurarsi che la Homeless World Cup 2019 si svolgesse a Cardiff, la star di Hollywood ha deciso di continuare a utilizzare i soldi che guadagna recitando per finanziare più progetti.

C’era qualcosa di abbastanza liberatorio nel dire ok, spenderò grandi quantità di denaro in questo o quello, perché sarò in grado di guadagnarmelo di nuovoha detto l’attore.

Mi sono essenzialmente trasformato in un’impresa sociale, un attore senza scopo di lucro“, ha confessato. L’attore britannico nel 2019 è diventato padre per la seconda volta con la compagna Anna Lundberg, 25 anni. Sheen è padre inoltre di un’altra figlia, Lily, avuta con la famosa attrice Kate Beckinsale, con cui è stato sposato dal 1995 al 2003.

Michael Sheen ha venduto le sue case per finanziare la Homeless World Cup

Sheen ha raccontato come è intervenuto per finanziare la Homeless World Cup quando i fondi per il progetto da 2 milioni di sterline sono falliti all’ultimo momento.

Mi ero impegnato ad aiutare a organizzarlo e poi all’improvviso non c’erano soldi. Ho dovuto prendere una decisione: potevo andarmene, ma poi ho pensato: non lascerò che accada. Quindi, ho investito tutti i miei soldi per continuare a farlo” ha raccontato l’attore.

Avevo una casa in America e una casa qui, le ho vendute e ho fatto tutto il necessario. È stato spaventoso e incredibilmente stressante” ha confessato. “Ma quando è finito, ho capito che potevo fare questo genere di cose. E, se posso continuare a guadagnare soldi, non mi rovinerà“.

“Non volevo essere solo un mecenate, volevo davvero fare una differenza”

La star di Good Omens e Frost/Nixon ha già promesso £ 50.000 in cinque anni per finanziare una borsa di studio per aiutare gli studenti gallesi ad andare all’Università di Oxford.

Sheen ha rivelato che il “punto di svolta” è avvenuto in seguito a una produzione di 72 ore di The Passion per le strade della sua città natale, Port Talbot, nel 2011. Lì, Sheen racconta che ha potuto conoscere persone e ong della città gallese che non sapeva esistessero.

Piccoli gruppi che avevano messo su organizzazioni per aiutarsi l’un con l’altro. Ma quando sono tornato a far visita, dopo soli 3 mesi, i fondi erano esauriti e le organizzazioni avevano chiuso. Lì ho capito che con pochi soldi si poteva davvero fare la differenza. Volevo aiutare. Non volevo essere solo un mecenate o una voce di supporto, volevo davvero fare di più“. 

 


Tag: goodmichael sheen