Una grave infezione da Covid raddoppia le possibilità di morire l’anno dopo

I pazienti che sopravvivono a una grave infezione da Covid hanno più del doppio delle probabilità di morire nell'anno successivo: lo studio

article
Foto Unsplash | Mufid Majnun
newsby Linda Pedraglio1 Dicembre 2021


Secondo uno studio, i pazienti che sopravvivono a una grave infezione da Covid hanno più del doppio delle probabilità di morire nell’anno successivo rispetto a quelli che non si infettano o manifestano sintomi virali più lievi. La ricerca, pubblicata su Frontiers in Medicine, suggerisce che gravi infezioni da coronavirus possono compromettere la salute del paziente a lungo termine, evidenziando l’importanza della vaccinazione. L’aumento del rischio di morte era maggiore per i pazienti sotto i 65 anni. Inoltre, solo il 20% dei pazienti gravi di Covid-19 deceduti lo ha fatto a causa delle tipiche complicanze del Covid. Ad esempio, l’insufficienza respiratoria.

Quando il Covid raddoppia il rischio di mortalità

Lo studio ha rilevato che i pazienti con infezione grave da coronavirus avevano una probabilità significativamente maggiore di morire nel corso dell’anno successivo. Questa tendenza è particolarmente evidente tra gli under 65. I ricercatori hanno monitorato le cartelle cliniche elettroniche di 13.638 pazienti sottoposti a un test PCR per Covid all’interno del sistema sanitario dell’Università della Florida. Di questi, 178 pazienti hanno manifestato sintomi di coronavirus gravi, 246 Covid-19 lieve o moderato e il resto è risultato negativo. Tutti i pazienti inclusi nello studio si sono ripresi dalla malattia e i ricercatori hanno monitorato i loro risultati.

Abbiamo condotto uno studio precedente che ha dimostrato che i pazienti con grave Covid-19 guariti avevano un rischio significativamente maggiore di essere ricoverati in ospedale nei successivi sei mesi, ha affermato ProfArch Mainous dell’Università della Florida, l’autore principale dello studio. “Questo nuovo studio lo ha esteso per indagare sul rischio di mortalità nei 12 mesi successivi“.

Scoperta nuova complicanza a lungo termine

Poiché queste morti si sono verificate molto tempo dopo l’infezione, potrebbero non essere mai stati collegate al Covid-19 dalle famiglie o dai medici dei pazienti, secondo lo studio. La maggior parte dei decessi verificatisi nei sopravvissuti a Covid-19 non era collegata a complicanze comuni della malattia. L’80% di tali decessi si è verificato per un’ampia varietà di motivi che non sono tipicamente associati al virus. Questo suggerisce che i pazienti avevano sperimentato un declino generale della loro salute che li ha lasciati vulnerabili.

Poiché ora sappiamo che esiste un rischio sostanziale di morire per quella che sarebbe probabilmente considerata una complicazione non riconosciuta di Covid-19, dobbiamo essere ancora più vigili nel ridurre gli episodi gravi di coronavirus“, ha affermato Mainous. “La nostra raccomandazione a questo punto è di utilizzare misure preventive, come la vaccinazione, per prevenire gravi episodi di Covid-19“.

 

 


Tag: ComplicanzeCovid-19Mortalità