Covid, cosa sappiamo della nuova variante sudafricana

Una nuova variante potenzialmente pericolosa è stata scoperta in Sudafrica: preoccupa il numero insolitamente alto di mutazioni, cosa che potrebbe aumentarne la trasmissibilità

article
Foto Unsplash | Fusion Medical Animation
newsby Giulia Martensini26 Novembre 2021


In Sudafrica è stata rilevata una nuova variante del coronavirus che, secondo gli scienziati, è preoccupante a causa dell’elevato numero di mutazioni e della rapida diffusione tra i giovani.

Il coronavirus si evolve man mano che si diffonde e molte nuove varianti, comprese quelle con mutazioni preoccupanti, spesso si estinguono. Gli scienziati monitorano possibili cambiamenti che potrebbero essere più trasmissibili o mortali, ma stabilire se le nuove varianti avranno un impatto sulla salute pubblica può richiedere tempo.

La nuova variante al vaglio dell’OMS

Il Sudafrica ha visto un drammatico aumento dei nuovi contagi, ha detto il ministro della Salute Phaahla in una conferenza stampa online.

Negli ultimi quattro o cinque giorni, c’è stato più di un aumento esponenziale“, ha detto, aggiungendo che la nuova variante sembra guidare il picco dei casi. Scienziati in Sud Africa stanno nel frattempo lavorando per determinare quale percentuale dei nuovi casi è stata causata dalla nuova variante.

Attualmente identificata come B.1.1.529, la nuova variante è stata trovata anche in Botswana e Hong Kong in viaggiatori provenienti dal Sud Africa. Il ministero della salute del Botswana ha confermato che sono stati rilevati quattro casi della variante in persone che erano tutte completamente vaccinate.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità si riunirà oggi per valutare l’impatto della nuova variante e
decidere se assegnarle o meno una lettera dell’alfabeto greco.

Nuova variante Covid: preoccupa il numero di mutazioni

La nuova variante ha una “costellazione” di nuove mutazioni, ha affermato Tulio de Oliveira, del Network for Genomic Surveillance in Sudafrica, che ha monitorato la diffusione della variante delta nel paese.

Il “numero molto elevato di mutazioni è una preoccupazione per l’evasione immunitaria prevista e la trasmissibilità“, ha affermato de Oliveira.

Questa nuova variante ha molte, molte più mutazioni”, tra cui più di 30 alla proteina spike che influenza la trasmissibilitàha detto. “Possiamo vedere che la variante si sta potenzialmente diffondendo molto velocemente. Ci aspettiamo di iniziare a vedere pressioni nel sistema sanitario nei prossimi giorni e settimane”.
Ingrandendo ulteriormente il dominio di legame del recettore (che è la parte del virus che fa il primo contatto con le cellule del nostro corpo), ha 10 mutazioni rispetto alle sole due della variante Delta.

De Oliveira ha affermato che un team di scienziati di sette università sudafricane sta studiando la variante. Ne hanno 100 interi genomi e si aspettano di averne molti di più nei prossimi giorni. “Siamo preoccupati per il salto nell’evoluzione di questa variante. L’unica buona notizia è che può essere rilevata da un test PCR“, ha detto.

In aumento i contagi in Sudafrica

Dopo un periodo di trasmissione relativamente bassa in cui il Sudafrica ha registrato poco più di 200 nuovi casi confermati al giorno, nell’ultima settimana i nuovi casi giornalieri sono rapidamente aumentati a più di 1.200 mercoledì. Giovedì sono balzati a 2.465.

La prima ondata è avvenuta a Pretoria e nella circostante area metropolitana di Tshwane. L’origine  sembrava essere epidemie a grappolo di riunioni studentesche nelle università della zona, ha affermato il ministro della salute Phaahla. In mezzo all’aumento dei casi, gli scienziati hanno studiato il sequenziamento genomico e scoperto la nuova variante.

Questa è chiaramente una variante su cui dobbiamo essere molto seri“, ha affermato Ravindra Gupta, professore di microbiologia clinica presso l’Università di Cambridge. “Ha un alto numero di mutazioni spike che potrebbero influenzare la trasmissibilità e la risposta immunitaria“.

Gupta ha affermato che gli scienziati in Sud Africa hanno bisogno di tempo per determinare se l’aumento di nuovi casi è attribuibile alla nuova variante. “C’è un’alta probabilità che sia così“, ha detto. “Gli scienziati sudafricani hanno fatto un lavoro incredibile nell’identificarlo rapidamente e nel portarlo all’attenzione del mondo“.

Funzionari sudafricani avevano avvertito che era prevista una nuova ondata da metà dicembre a inizio gennaio e speravano di prepararsi vaccinando molte più persone, ha affermato Phaahla.

In Sudafrica bassi tassi di vaccinazione

Circa il 41% degli adulti del Sudafrica è stato vaccinato e il numero di iniezioni giornaliere è relativamente basso, meno di 130.000. Significativamente al di sotto dell’obiettivo del governo di 300.000 al giorno.

Il Sudafrica ha attualmente circa 16,5 milioni di dosi di vaccini, di Pfizer e Johnson & Johnson, nel paese e si aspetta la consegna di circa 2,5 milioni in più nella prossima settimana, secondo Nicholas Crisp, direttore generale ad interim del dipartimento sanitario nazionale.

Il Sudafrica, con una popolazione di 60 milioni, ha registrato oltre 2,9 milioni di casi, inclusi più di 89.000 decessi.

Ad oggi, la variante delta rimane di gran lunga la più contagiosa e ha spiazzato altre varianti un tempo preoccupanti tra cui alfa, beta e mu. Secondo le sequenze inviate dai Paesi di tutto il mondo al più grande database pubblico del mondo, oltre il 99% è delta.

Gran Bretagna vieta i voli dall’Africa

Nel frattempo, il governo britannico ha annunciato che da oggi avrebbe vietato i voli dal Sudafrica e da altri cinque paesi dell’Africa meridionale. Inoltre a chiunque fosse arrivato di recente da quei paesi sarebbe stato chiesto di fare un test del coronavirus.

Il segretario alla salute del Regno Unito, Sajid Javid, ha affermato che c’erano preoccupazioni che la nuova variante “potrebbe essere più trasmissibile” rispetto al ceppo delta dominante e “i vaccini che abbiamo attualmente potrebbero essere meno efficaci” contro di essa.


Tag: CovidVariante sudafricana