Von der Leyen: “L’UE deve considerare l’obbligo vaccinale”

La presidente della Commissione europea afferma che gli stati dell'UE devono discutere seriamente l'idea di una vaccinazione obbligatoria in risposta alla diffusione della variante Omicron

article
newsby Giulia Martensini1 Dicembre 2021


L’UE deve prendere in considerazione l’obbligo vaccinale in risposta alla diffusione della variante “altamente contagiosa” di Omicron in tutta Europa, ha affermato il presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen.

In un invito all’azione, Von der Leyen ha affermato che i 27 Stati membri dell’UE dovrebbero distribuire rapidamente dosi di richiamo. Nel frattempo un comunicato della Commissione ha sostenuto i Paesi che hanno scelto di applicare temporaneamente i test PCR pre-viaggio anche all’interno dei confini del blocco.

Presidente UE: “Contro il Covid approccio comune”

Se guardiamo i numeri, ora abbiamo il 77% degli adulti vaccinati nell’Unione europea o se prendi l’intera popolazione, è il 66%. Questo significa che un terzo della popolazione europea non è vaccinato. Sono 150 milioni di persone. Questo è molto, e non tutti possono essere vaccinati – bambini, per esempio, o persone con condizioni mediche speciali – ma la stragrande maggioranza potrebbe e quindi, penso che sia comprensibile e appropriato condurre questa discussione ora” ha sottolineato la presidente UE.

Il modo in cui possiamo incoraggiare e potenzialmente pensare alla vaccinazione obbligatoria all’interno dell’Unione europea necessita una discussione. Questo richiede un approccio comune, ma è una discussione che penso debba essere soddisfatta”.

Von der Leyen: “Vaccinarsi subito, è una corsa contro il tempo”

Von der Leyen ha affermato che Pfizer e Moderna dovrebbero fornire 360 ​​milioni di dosi in più entro la fine di marzo, assicurando che ci fosse una fornitura sufficiente per i booster.

Nel caso in cui i vaccini non offrissero l’attuale livello di protezione alla luce della diffusione della variante Omicron, i ricercatori ritengono che occorrerebbero circa 100 giorni per adeguare i loro prodotti.

Ma Von der Leyen ha detto che il mondo è in una “corsa contro il tempo” e l’onere rimane quello di vaccinarsi il prima possibile.
Gli scienziati ci dicono che dobbiamo fare tutto il possibile per sfruttare al meglio il tempo che abbiamo fino a quando non avremo certezze sulle caratteristiche di trasmissibilità e gravità di Omicron“, ha detto. “Preparati al peggio, spera per il meglio”.

Il numero di casi in rapido aumento sta mettendo a dura prova i nostri ospedali e gli operatori sanitari. Inoltre, l’arrivo della variante Omicron richiede la nostra massima attenzione. Ma sono convinta che l’UE sia all’altezza del compito di affrontare queste sfide” ha concluso Von der Leyen.

Obbligo vaccinale, in Grecia è già realtà

La politica sanitaria resta di competenza nazionale. Tuttavia, c’è un crescente slancio dietro la vaccinazione obbligatoria tra gli Stati membri dell’UE. Ad esempio il futuro cancelliere tedesco, Olaf Scholz, sostiene la politica, mentre la vicina Austria sta discutendo su come far rispettare il vaccino obbligatorio da febbraio.

Martedì, la Grecia ha dichiarato che renderà obbligatorie le vaccinazioni Covid per le persone di età pari o superiore a 60 anni al fine di proteggere il suo sistema sanitario vacillante. Il primo ministro greco Mitsotakis, ha inoltre annunciato l’imposizione di una multa mensile ai cittadini di età pari o superiore a 60 anni che rifiutano di essere vaccinati.

La Grecia è il primo membro dell’UE a prendere di mira un gruppo di età specifico, con Mitsotakis che riconosce che la decisione lo ha personalmente “tormentato” come un “politico profondamente liberale” e che ha lottato con il concetto di obbligo. Ma i dati, ha detto, si sono rivelati implacabili in termini di morti e pressione sul sistema sanitario nazionale.

Nove greci su 10 che muoiono hanno più di 60 anni“, ha detto. “Più di otto su 10 non sono stati vaccinati“.

Oms: “Dobbiamo fermare delta prima di fermare omicron”

Il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità ha affermato oggi che se i Paesi non interrompono la trasmissione della variante Delta, non fermeranno nemmeno Omicron.

Dobbiamo utilizzare gli strumenti che già abbiamo per salvare vite umane. Se lo facciamo, salveremo anche vite dall’omicron. La fine della pandemia non è una questione di fortuna, è una questione di scelta” ha sottolineato il direttore dell’OMS.

L’OMS ha anche ribadito che i divieti di viaggio non fermeranno la nuova variante, affermando che “danneggiano vite e mezzi di sussistenza”. Invece, i Paesi di tutto il mondo dovrebbero avere controlli più completi sui passeggeri, quali test alla partenza e all’arrivo.


Tag: CovidEuropaObbligo vaccinaleUrsula Von der LeyenVariante Omicron