In Cina le navi stanno sparendo e questo è un problema

Nelle ultime settimane quasi il 90% dei segnali delle navi cinesi sono spariti dai radar. Una mossa legata probabilmente a una nuova legge cinese sulla privacy dei dati che rischia però di aggravare ulteriormente la già stressata catena di approvvigionamento globale

article
Foto Pixabay | dendoktoor
newsby Giulia Martensini24 Novembre 2021


Le navi nelle acque cinesi stanno scomparendo dai sistemi di tracciamento del settore. Andando a creare un altro grattacapo per la catena di approvvigionamento globale. La colpa potrebbe essere del crescente isolamento della Cina dal resto del mondo, insieme a una crescente sfiducia nei confronti dell’influenza straniera.

Diminuito il segnale del 90%

Gli analisti affermano di aver iniziato a notare il calo del traffico marittimo verso la fine di ottobre, mentre la Cina si preparava ad emanare una legislazione che disciplina la privacy dei dati.
Di solito, le società di dati di spedizione sono in grado di tracciare le navi in ​​tutto il mondo perché sono dotate di un sistema di identificazione automatica, o ricetrasmettitore AIS.

Questo sistema consente alle navi di inviare informazioni, come posizione, velocità, rotta e nome, alle stazioni che si trovano lungo le coste utilizzando radio ad alta frequenza.
Ma questo non sta accadendo nella seconda economia più grande del mondo, un attore fondamentale nel commercio globale. Nelle ultime tre settimane, il numero di navi che inviano segnali dal paese è diminuito di quasi il 90%, secondo i dati del fornitore globale di dati marittimi Vessels Value.

Interrogato sulla questione, il Ministero degli Affari Esteri cinese ha rifiutato di commentare.

La nuova legge sui dati potrebbe peggiorare il caos della catena di approvvigionamento

Ma gli analisti pensano di aver trovato il colpevole: la legge cinese sulla protezione delle informazioni personali, entrata in vigore il 1 novembre. Questa richiede alle aziende che elaborano i dati di ricevere l’approvazione dal governo cinese prima che le informazioni lascino il suolo cinese. Una regola che riflette la paura a Pechino che tali dati possano finire nelle mani di governi stranieri.

La legge non menziona i dati di spedizione. Ma i fornitori di dati cinesi potrebbero trattenere le informazioni per precauzione.

Con l’avvicinarsi del Natale, una perdita di informazioni dalla Cina, sede di sei dei 10 porti container più trafficati del mondo, potrebbe creare ulteriori problemi a un’industria navale globale già travagliata.
Le catene di approvvigionamento sono sotto pressione quest’anno poiché i porti fortemente congestionati faticano a tenere il passo con una domanda di merci in rapida ripresa. Lo stress della catena di approvvigionamento si sta intensificando e non mostra segni di cedimento, afferma Moody’s Analytics.

Il Paese è uno dei maggiori importatori mondiali di carbone e ferro, nonché un enorme esportatore di container. “Mentre entriamo nel periodo natalizio, avrà un impatto davvero grande sulle catene di approvvigionamento. E questo è l’elemento più importante in questo momento“, ha affermato Georgios Hatzimanolis, stratega dei media per il traffico marittimo.

L’autoisolamento della Cina

Il desiderio della Cina di mantenere il controllo assoluto su tutti i dati e le informazioni all’interno dei suoi confini non è sorprendente. Dal momento che il presidente Xi Jinping continua a riaffermare il dominio del Partito Comunista al potere in ogni aspetto dell’economia e della società.

Xi ha sottolineato i suoi obiettivi di autosufficienza negli anni precedenti e durante un’aspra guerra commerciale e tecnologica con l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Questo è il punto, ad esempio, di “Made in China 2025”, un piano ambizioso per spingere il settore manifatturiero cinese in campi tecnologici più avanzati.

Alcuni funzionari di Pechino hanno recentemente cercato di sedare le preoccupazioni degli investitori globali. Preoccupati che il Paese si stia isolando dal resto del mondo poiché dà priorità alla sicurezza nazionale.

Il vicepresidente cinese Wang Qishan ha dichiarato che la Cina non si “svilupperà isolata dal mondo”. Parlando in video, ha anche invitato i Paesi a mantenere le catene di approvvigionamento “stabili e fluide”.

Ma la Cina ha abbracciato politiche durante la pandemia di coronavirus che lasciano pensare diversamente.
Ad esempio, durante la pandemia, Xi ha raddoppiato la sua spinta all’autosufficienza, sottolineando la necessità di creare catene di approvvigionamento “indipendenti e controllabili” per garantire la sicurezza nazionale.

Le azioni della Cina quest’anno potrebbero avere un costo molto alto se il Paese si spinge troppo oltre nel suo tentativo di proteggersi dall’interferenza straniera.
Con la catena di approvvigionamento già traumatizzata, la decisione cinese potrebbe mettere seriamente in difficoltà il rifornimento delle merci, anche in Europa.

 


Tag: Cina