Boris Johnson: il destino del premier appeso a un filo dopo il partygate

Lo scandalo del partygate a Downing Street ha travolto il premier inglese Boris Johnson, tra sondaggi in calo e avversari politici che ne chiedono (a gran voce) le dimissioni

article
Foto Flickr | Pippa Fowles
newsby Giulia Martensini13 Gennaio 2022


Non sono bastate, pare, le scuse che il premier inglese Boris Johnson ha proferito durante la seduta del Parlamento di ieri per cercare di salvare la faccia per lo scandalo partygate. Ma le sue motivazioni sono state oggetto di scherno, con i partiti di opposizione uniti per chiederne le dimissioni al più presto.

Le scuse (poco credibili) davanti al Parlamento

Il primo ministro si è dovuto scusare ieri per aver partecipato a una festa nella sua residenza ufficiale durante il primo lockdown da coronavirus in Gran Bretagna. Era la prima volta che Johnson ammetteva di aver partecipato alla festa al 10 di Downing Street nel maggio 2020, quando le regole Covid hanno limitato al minimo gli incontri sociali, dicendo di aver compreso la rabbia pubblica.

Conosco la rabbia che provano con me per il governo che guido quando pensano che a Downing Street le regole non siano adeguatamente seguite dalle persone che le stabiliscono“, ha detto al parlamento un Johnson dalla faccia cinerea. “Mi scuso di cuore”.
Johnson ha detto di essersi pentito della sua azione e di aver pensato che il raduno fosse un evento di lavoro, attirando scherni e risate dai legislatori dell’opposizione.
Sono andato in quel giardino subito dopo le sei del 20 maggio 2020 per ringraziare gruppi di personale prima di tornare nel mio ufficio 25 minuti dopo per continuare a lavorare“, ha detto Johnson.
Con il senno di poi, avrei dovuto rimandare tutti dentro“.

L’opposizione ha chiesto le dimissioni

I leader di tutti i principali partiti di opposizione hanno chiesto le sue dimissioni. Mentre il leader dei conservatori in Scozia è diventato la prima figura del suo partito a dire che Johnson dovrebbe ora dimettersi.

La festa è finita, primo ministro“, ha detto il leader del partito laburista Keir Starmer. Starmer ha affermato inoltre che il pubblico – che ha consegnato a Johnson una schiacciante vittoria elettorale nel dicembre 2019 dopo aver promesso di garantire l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea – lo considerava un bugiardo.

Dopo mesi di inganni e inganni, è lo spettacolo patetico di un uomo che ha perso la strada. La sua difesa di non essersi reso conto di essere a una festa è così ridicola che in realtà è offensiva per il pubblico britannico“.

Cosa succederà ora?

La rabbia è cresciuta da quando ITV News ha riferito che Johnson e la moglie Carrie si sono mescolati con circa 40 dipendenti nel giardino di Downing Street dopo che il suo segretario privato principale Martin Reynolds ha inviato una mail  chiedendo ai partecipanti di “portarsi da bere”. L’addetto stampa di Johnson ha detto che il primo ministro non aveva visto quell’e-mail.

Numerose persone, tra cui alcuni legislatori, hanno descritto come le regole del lockdown li hanno tenuti lontani dal capezzale dei propri cari morenti lo scorso maggio, in contrasto con gli eventi di Downing Street.

Diversi ministri si sono radunati attorno a Johnson per esprimere sostegno sui social media, ma altri legislatori non erano convinti, in particolare il leader conservatore scozzese Douglas Ross.

Purtroppo, devo dire che la sua posizione non è più sostenibile“, ha detto Ross, aggiungendo che presenterà una lettera di sfiducia al primo ministro.

Per innescare una sfida alla leadership, 54 dei 360 parlamentari conservatori in parlamento devono scrivere lettere di sfiducia al presidente del “Comitato 1922” del partito.

Ho l’impressione che, politicamente, il primo ministro sia un uomo morto che cammina“, ha detto Roger Gale, un altro legislatore conservatore che ha scritto una lettera chiedendo a Johnson di ritirarsi.

La parabola in discesa di Boris Johnson

Solo due anni fa, Johnson era sulla cresta dell’onda: si era assicurato la più grande maggioranza conservatrice dai tempi di Margaret Thatcher nel 1987 dopo aver promesso di portare a termine la Brexit. Aveva guidato la campagna per lasciare l’UE nel referendum del 2016.

Ma una serie di passi falsi, dagli scandali all’opulenta ristrutturazione del suo appartamento dalla gestione del Covid fino al partygate hanno prosciugato il suo capitale politico.

E ora anche il sostegno del pubblico potrebbe diminuire.
Due rapidi sondaggi di opinione di martedì hanno mostrato che oltre la metà degli intervistati pensava che Johnson avrebbe dovuto dimettersi.
Il mese scorso, i conservatori hanno perso un seggio parlamentare che detenevano da quasi 200 anni mentre il comodo vantaggio del partito sui laburisti nei sondaggi d’opinione è svanito.

I bookmaker hanno aumentato le loro probabilità che Johnson venga sostituito come primo ministro quest’anno, con le elezioni locali di maggio viste come un altro momento di pericolo.

In corso l’indagine sui partygate

Quando i dettagli della riunione sono emersi per la prima volta, Johnson ha detto che non poteva commentare fino a quando un alto funzionario, Sue Gray, non avrà concluso l’indagine. In risposta alle richieste di dimissioni, ha nuovamente rinviato alle indagini di Gray.

Non posso anticipare le conclusioni dell’attuale inchiesta, ho imparato abbastanza per sapere che c’erano cose che semplicemente non avevamo capito. E devo assumermi la responsabilità“, ha detto.

Mentre il parlamento risuonava di richieste per la sua testa, il biografo di Johnson, Andrew Gimson, ha detto che era improbabile che si dimettesse a meno che non fosse costretto dai suoi colleghi parlamentari.

Cercherà un modo per superare questo. Non è il tipo che si dimette“, ha detto Gimson.


Tag: Boris JohnsonRegno Unito