Alec Baldwin si confessa per la prima volta: “La mia carriera potrebbe finire”

Prima intervista dell'attore a poche settimane dal tragico incidente avvenuto sul film "Rust" dove ha perso la vita la direttrice della fotografia Halyna Hutchins: "Non ho premuto io il proiettile"

article
Foto Wikimedia Commons
newsby Giulia Martensini3 Dicembre 2021


Un Alec Baldwin commosso e in lacrime ha parlato per la prima volta del tragico incidente sul set del suo ultimo film “Rust”. L’attore ha detto di provare un’incredibile tristezza e rimpianto per le riprese che hanno ucciso la direttrice della fotografia Halyna Hutchins su un set cinematografico del New Mexico, ma non senso di colpa.

Qualcuno è responsabile di quello che è successo, e non posso dire chi sia, ma non sono io“, ha detto Baldwin in un’intervista della ABC con George Stephanopoulos andata in onda ieri sera. “Onestamente, se mi fossi sentito responsabile, avrei potuto uccidermi“.

L’intervista segna la prima volta che Baldwin ha parlato dell’incidente davanti alla telecamera, ad eccezione di una breve intervista rilasciata a TMZ a ottobre, nel tentativo di impedire ai paparazzi di seguire lui e la sua famiglia.

Baldwin: “Non ho premuto il grilletto”

Baldwin ha affermato che è essenziale per gli investigatori scoprire chi ha messo il proiettile nella pistola che ha sparato e che avrebbe dovuto essere scarica. In una clip dell’intervista rilasciata il giorno prima  l’attore aveva ammesso: “Non ho premuto il grilletto. Non punterei mai una pistola contro nessuno e gli premerei il grilletto. Mai“.

Ha detto che è stata la stessa Hutchins a chiedergli di puntare la pistola appena fuori dalla telecamera e verso la sua ascella prima che esplodesse.

Quando Stephanopoulos ha detto a Baldwin che molti sostengono che non dovresti mai puntare una pistola direttamente contro qualcuno su un set, ha risposto, “a meno che la persona non sia il direttore della fotografia che mi stava indicando dove puntare la pistola per il suo angolo di ripresa“.

L’attore ha detto che erano trascorsi da 45 minuti a un’ora prima che iniziasse a capire che un proiettile reale era stato inserito nella pistola. Pensava che Hutchins potesse essere stata ferita da un colpo a salve a distanza ravvicinata o avesse avuto un attacco di cuore.

L’idea che qualcuno abbia messo un proiettile vero nella pistola non era nemmeno nella realtà“, ha confessato.

Mancata sicurezza sul set? “Non ho visto problemi”

Baldwin ha detto che stava facendo l’intervista per contrastare le idee sbagliate pubbliche sulla sparatoria. “Farei di tutto per annullare ciò che è successo“.

In merito alle polemiche sulla mancata sicurezza sul set, l’attore si confessa in disaccordo: “Non ho mai sentito una parola al riguardo, nessuna“, ha detto.

Baldwin ha poi affermato che le lamentele sulla riduzione dei costi del film sono state fuorvianti. “Tutti coloro che fanno film hanno la responsabilità di non essere avventati e negligenti con i soldi che ti vengono dati“, ha detto. Alla domanda di Stephanopoulos se il taglio dei costi abbia compromesso la sicurezza, Baldwin ha risposto: “Secondo me no. Personalmente non ho osservato alcun problema di sicurezza o protezione nel tempo in cui ero lì”, ha detto.

Baldwin: “Continuo a sognare l’incidente”

L’attore ad ogni modo è apparso visibilmente provato dalla tragedia, sottolineando che l’incidente lo ha lasciato emotivamente devastato.

Ho incubi su questo costantemente“, ha detto, “svegliarsi costantemente dove sparano le pistole. Queste immagini mi sono venute in mente e mi hanno tenuto sveglio la notte e sono settimane che non dormo e sto davvero lottando fisicamente“, ha ammesso l’attore.

Alla domanda di Stephanopoulos se la sua carriera sia finita, Baldwin ha detto: “Potrebbe essere“. Ha poi aggiunto che la sua prossima produzione lo vuole ancora, “ma mi sono detto, ‘voglio lavorare ancora dopo tutto questo?'”.


Tag: Alec BaldwinRust