Inchconnachan: l’isola scozzese dove dominano i wallaby

Un tempo rifugio rurale di una contessa che gareggiava in motoscafi, quest'isola disabitata è ora un paradiso per i viaggi lenti che ospita il mammifero più esotico della Scozia.

article
Foto Unsplash | James Wainscoat
newsby Giulia Martensini8 Novembre 2021


Inchconnachan è un’isola disabitata di soli 103 acri situata nel Loch Lomond & The Trossachs National Park, sede dell‘unica colonia scozzese di wallaby.

L’isola era il rifugio estivo di Fiona Colquhoun, una personalità eccentrica che si divertiva a fare gare di velocità in motoscafo. Divenuta contessa di Arran dopo il matrimonio, era solita allevare nei suoi possedimenti animali esotici, quali lama, alpaca…e wallaby. Questi simpatici marsupiali, tipicamente avvezzi al caldo, vennero trasferiti sull’isola poco dopo la seconda guerra mondiale. E da allora, non se ne sono più andati.

Considerati la specie animale più esotica della Scozia, i wallaby dal collo rosso di Inchconnachan sono un parente più piccolo dei canguri. Questi marsupiali sono originari delle zone temperate dell’Australia orientale e della Tasmania. Tuttavia i wallaby sembrano aver sviluppato una particolare predilezione per il clima di Inchconnachan nel corso degli anni. I marsupiali sono persino noti per saltare attraverso il lago ghiacciato e divertirsi nei boschi vicini durante i gelidi inverni.

Campeggio libero? In Scozia si può

Inchconnachan – e la maggior parte delle isole di Loch Lomond – è inaccessibile con il traghetto o la barca pubblica. Invece, gli amanti dell’avventura che viaggiano lentamente possono noleggiare un kayak, una canoa o un paddleboard dal vicino villaggio di Luss e pagaiare per 1 km attraverso le acque solitamente calme fino all’isola.

Non tutti infatti sanno che la Scozia è uno dei pochi Paesi al mondo in cui il campeggio libero è legale. Alcune parti del Loch Lomond & The Trossachs National Park sono protette da regolamenti sul campeggio selvaggio tra marzo e settembre. Tuttavia, grazie al Land Reform Act scozzese del 2003, chiunque è libero di accamparsi sulla maggior parte dei terreni non recintati in tutto il paese, incluso Inchconnachan.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da @cheqs_drone

Dopo essere stata di proprietà del Clan Colquhoun dal 14° secolo, l'”isola wallaby” disabitata della Scozia ha fatto notizia nel luglio 2020 quando è stata messa in vendita. Alla fine è stato venduta nel marzo 2021, ma nonostante la sua nuova proprietà e il suo status di isola privata, i diritti di accesso al campeggio selvaggio della Scozia si applicano ancora.

Permettendo così il passaggio a migliaia di turisti che viaggiano fino a questa remota isola solo per avere l’occasione di incontrare gli iconici (ma piuttosto timidi) wallaby.


Tag: Scoziawallaby