“Vaccino” è la parola dell’anno secondo il dizionario Merriam-Webster

"Vaccino" è stata in assoluto la parola più cercata ogni giorno per tutto il corso del 2021, con un aumento delle ricerche di oltre il 1000% negli ultimi due anni

article
(Unsplash)
newsby Giulia Martensini29 Novembre 2021


Con una definizione ampliata per riflettere i tempi, l’iconico dizionario Merriam-Webster ha dichiarato una verità onnipresente come parola dell’anno 2021: vaccino.

Questa era una parola che era estremamente alta nei nostri dati ogni singolo giorno nel 2021“, ha detto Peter Sokolowski, redattore generale di Merriam-Webster. “Rappresenta davvero due storie diverse. Uno è la storia della scienza, ovvero questa notevole velocità con cui sono stati sviluppati i vaccini. Ma ci sono anche i dibattiti sui procedimenti, la politica e l’appartenenza politica. È una parola che racchiude queste due grandi storie“, ha detto.

In aumento del 1000% negli ultimi due anni

La selezione segue “vax” come parola dell’anno scelta dall”Oxford English Dictionary. E arriva dopo che Merriam-Webster ha scelto “pandemia” come top nelle ricerche lo scorso anno sul suo sito online. “La pandemia è stata la pistola che esplode e ora abbiamo le conseguenze“, ha detto Sokolowski.

Alla Merriam-Webster, le ricerche per “vaccino” sono aumentate del 601% rispetto al 2020, quando il primo vaccino statunitense è stato somministrato a New York. La prima iniezione è arrivata dopo un rapido sviluppo e mesi di speculazioni e discussioni sull’efficacia.

Rispetto al 2019, quando c’era poca urgenza o chiacchiere sui vaccini, Merriam-Webster ha registrato un aumento del 1,048% nelle ricerche quest’anno. “I dibattiti sulla distribuzione iniqua, sui mandati dei vaccini e sui booster hanno mantenuto alto l’interesse“, ha affermato Sokolowski. Così hanno fatto l’esitazione e l’attrito su green pass e passaporto vaccinale.

L’origine della parola “vaccino”

La parola “vaccino” non è nata in un giorno o a causa di una singola pandemia. Il primo uso noto risale al 1882, ma in precedenza compaiono riferimenti relativi al fluido delle pustole di vaiolo bovino utilizzate nelle inoculazioni, ha detto Sokolowski. È stato preso in prestito dal latino “vaccina”, che risale al femminile latino “vaccinus”, che significa “di o da una mucca”.

All’inizio di quest’anno, Merriam-Webster ha aggiunto alla sua voce online “vaccino” per coprire tutti i discorsi sui vaccini mRNA o sui vaccini messaggeri come quelli per covid sviluppati da Pfizer e Moderna.

Mentre altre società di dizionari scelgono le parole dell’anno in base al comitato, Merriam-Webster basa la sua selezione sui dati di ricerca, prestando molta attenzione ai picchi. Nelle ultime edizioni ha analizzato l‘aumento delle ricerche anno dopo anno, dopo aver eliminato gli evergreen.

Tra le parole più cercate che compaiono in classifica troviamo anche “insurrezione” le cui ricerche sono cresciute dopo l’attacco al Campidoglio, “perseverance” il nome della sonda Nasa lanciata su Marte, e “Nomad” legata al film di successo “Nomadland” premio Oscar 2021.

 

 


Tag: merriam-websterVaccino