Inaugurata la spettacolare Strada delle Sfingi a Luxor in Egitto

Una grande cerimonia per inaugurare la strada di 2,7 chilometri fiancheggiata da circa 1.200 sfingi: in passato collegava i templi di Karnak e Luxor

article
Foto Instagram | @thenationalnews
newsby Linda Pedraglio26 Novembre 2021


Mentre gli americani si univano alla parata del Giorno del Ringraziamento, a quasi 10mila chilometri di distanza, l’Egitto ha deciso di dar nuova vita a una antichissima tradizione. Il Ministero del Turismo e delle Antichità egiziano ha tenuto una grande cerimonia giovedì sera per celebrare la riapertura dell’antico Viale delle Sfingi nella città di Luxor. La strada sacra, un tempo chiamata “Il Sentiero di Dio“, collega i Templi di Karnak con Luxor. Pavimentata in blocchi di arenaria, la strada lunga quasi tre chilometri è fiancheggiata su entrambi i lati da oltre 1.050 statue di sfingi e arieti. Sepolte sotto le sabbie del deserto per diversi secoli, le sfinge stanno tornando lentamente alla luce grazie al lavoro di rinomati archeologi egiziani. Finora gli archeologi hanno rinvenuto 309 statue in buone condizioni, ma quel numero potrebbe aumentare man mano che i lavori di scavo continuano, ha detto a CBS News il dott. Mustafa Al-Saghir, direttore generale dei monumenti di Karnak.

Chi ha costruito il Viale delle Sfingi

Come molti del mondo antico, il Viale delle Sfingi nasconde molti segreti. Non è certo chi abbia iniziato a costruire la strada. Alcuni scienziati hanno suggerito che potrebbe risalire fino alla regina Hatshepsut, circa 3.500 anni fa. Ma il dott. Al-Saghir afferma che i ricercatori non hanno trovato “nessuna prova archeologica sulla strada per sostenere questa teoria“. Altri credono sia stato costruito sotto il re Amenhotep III, un paio di centinaia di anni dopo, il più famoso antico sovrano d’Egitto. Chiunque abbia dato il via al progetto, c’è un ampio consenso sul fatto che la maggior parte della strada sia stata costruita durante il regno del re Nectanebo I, fondatore dell’ultima dinastia nativa in Egitto, circa 2.400 anni fa. “Il monumento più antico che abbiamo scoperto sulla strada risale al re Tutankhamon, che fece i primi 300 metri dal decimo pilone del tempio di Karnak al cancello del tempio di Mut“, ha detto a CBS News.

A cosa serviva l’antica strada fino a Luxor

Ogni anno, durante la stagione delle inondazioni, gli antichi egizi tenevano un festival chiamato “Opet”, per celebrare la fertilità degli dei e del faraone. I sacerdoti avrebbero portato tre barche divine sulle loro spalle, trasportando le statue della Triade Tebana, le divinità di Amon-Ra, la sua consorte Mut e il loro figlio Khonsu, da Karnak a Luxor. Il viaggio avveniva a piedi lungo il Viale delle Sfingi, o talvolta in barca lungo il fiume Nilo. Il festival durava da giorni a settimane a seconda del sovrano. Poi le statue venivano riportate a Karnak. Nel tempo la strada è stata abbandonata e sepolta sotto la sabbia. Ma nel 1949 l’archeologo egiziano Dr. Zakaria Ghoneim scoprì le prime otto statue di sfinge. Gli scavi sono continuati per anni, a intermittenza. Ancora oggi gli archeologi sono al lavoro per mappare l’antica strada. Il lavoro ha richiesto la demolizione di alcuni edifici, tra cui moschee, una chiesa e molte case.


Tag: EgittoLuxorSfingi