Violenze Milano, Santarelli: “In tante mi hanno scritto, ma non tutte denunciano”

Giovanni Santarelli, fondatore della pagina social MilanoBelladaDio, tra i primi a diffondere le immagini delle molestie a Capodanno in Piazza Duomo, parla della situazione in una città "sempre meno sicura"

newsby Luca Perillo15 Gennaio 2022



Le immagini delle violenze in Piazza Duomo a Milano durante la notte di Capodanno,  hanno fatto il giro del web. Le vittime, due ragazze, accerchiate da bande di ragazzi che le stavano molestando, sono riuscite solo a fatica e in lacrime a trovare una via di uscita, prima di essere soccorse dalle forze di polizia presenti in loco.

Ora, a due settimane da quegli eventi, torna a parlarne Giovanni Santarelli, fondatore della pagina social MilanoBelladaDio, tra i primi a diffondere le immagini di quella notte.

Santarelli: “Milano meno sicura, spero in una svolta positiva”

La mattina del primo gennaio ho visto un articolo che parlava di alcuni disordini durante la notte di capodanno in piazza Duomo a Milano. Da lì mi sono arrivate tantissime segnalazioni e testimonianze avvenute tutte quella sera nello stesso luogo. Alcune hanno raccontato di una ‘palpatina’, altre, come la ormai famosa ragazza con il giubbotto rosso, di vere e proprie violenze di branco. Non tutte però denunciano, alcune per paura di ritorsioni, altre per vergogna” ha raccontato Santarelli.

Lo faccio per rompere il silenzio di media ed istituzioni. Milano negli ultimi mesi è meno sicura, raccolgo centinaia di segnalazioni di violenze e borseggi tutti i giorni. Spero” ha concluso, “di essere d’impulso per una svolta positiva per la città”.