Super Green Pass, cosa non può fare chi non ce l’ha

La versione base del certificato verde non consente l’accesso ad alcuni esercizi commerciali e altri posti. Fanno eccezione i mezzi pubblici e i luoghi di lavoro

article
Foto Unsplash
newsby Alessandro Bolzani6 Dicembre 2021


A partire da oggi, lunedì 6 dicembre 2021, è attivo in tutta Italia il Super Green Pass. Questa certificazione dimostra che il suo possessore ha fatto il vaccino anti-Covid o è guarito dall’infezione. Non viene rilasciata a chi si è limitato a fare il tampone. Anche se il Green Pass normale può continuare a essere usato per viaggiare sui mezzi pubblici e accedere al luogo di lavoro (a eccezione dei lavori pubblici per i quali è richiesto l’obbligo vaccinale), ci sono tante altre attività precluse a chi è senza la sua versione “super”. Scopriamo quali.

I limiti per chi è sprovvisto del Super Green Pass

Nelle zone arancioni, chi è sprovvisto del Super Green Pass non può acquistare lo skipass. Questa limitazione è del tutto assente nelle Regioni bianche e gialle. L’accesso ai negozi presenti nei centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi è consentito nelle zone bianche e gialle. È vietato, invece, in zona arancione. Da questo discorso sono esclusi i negozi di alimentari, le edicole, le librerie, le farmacie e le tabaccherie. Senza Super Green Pass è possibile consumare cibo e bevande al bancone di bar e ristoranti, ma solo nelle zone bianche e gialle. La consumazione al tavolo al chiuso, invece, richiede il possesso del Super Green Pass in tutte le circostanze. Chi ha solo la certificazione base può accomodarsi all’aperto, ma non in zona arancione. Le medesime regole valgono per i servizi di ristorazione dell’hotel in cui si alloggia.

Si può fare attività fisica all’aperto e al chiuso?

Chi è sprovvisto del Super Green Pass può dedicarsi all’attività sportiva al chiuso in palestre, piscine e centri natatori, ma solo nelle zone bianche e gialle. Lo stesso vale per le piscine e i centri natatori all’aperto. Anche per l’accesso agli spogliatoi valgono le stesse regole. Gli sport di squadra all’aperto sono sempre consentiti. Al chiuso, invece, lo sono solo nelle zone bianche e gialle. Gli sport di contatto (come rugby, calcio e calcetto) rappresentano una casistica a sé stante. Entrambi sono consentiti sia all’aperto che al chiuso, ma non nelle zone arancioni.

L’accesso a luoghi di cultura, discoteche e feste

Per le attività culturali valgono delle regole più stringenti. Chi ha solo il Green Pass base, infatti, non può entrare nei teatri, nei cinema, nei locali di intrattenimento e musica dal vivo e in altri locali (con capienza al 100%). L’accesso alle mostre, ai musei e agli altri luoghi di cultura, invece, è consentito in zona bianca e gialla, ma non in quella arancione. Per quanto riguarda gli eventi sportivi che si svolgono in stadi e palazzetti (capienza del 60% al chiuso e del 75% all’aperto), l’accesso senza Super Green Pass non è mai consentito. Lo stesso vale per le sale da ballo e le discoteche e per tutte le feste, a eccezione di quelle conseguenti a cerimonie civili e religiose. È possibile partecipare a quest’ultime in zona bianca e gialla, ma non arancione.

I luoghi a cui non si può accedere in zona arancione

L’accesso senza Super Green Pass ai centri benessere è consentito solo in zona bianca e gialla. Lo stesso vale per le terme all’aperto e al chiuso (salvo che per livelli essenziali di assistenza e attività riabilitative o terapeutiche). Altri luoghi a cui è possibile accedere senza Super Green Pass, solo nelle aree bianche e gialle, sono i parchi tematici, i centri culturali, sociali e ricreativi (all’aperto e al chiuso), le sale da gioco, le sale scommesse, le sale bingo e i casinò.


Tag: Super Green Pass