Piero Angela e la sua lezione civica sul Green Pass

Il noto conduttore di Superquark dà una preziosa lezione civica raccontando un aneddoto accaduto qualche giorno fa in un ristorante di Roma

article
Foto Wikimedia Commons
newsby Linda Pedraglio25 Novembre 2021


Piero Angela è finito al centro delle cronache dopo aver alzato i toni in un ristorante di Roma. A scatenare l’ira funesta del noto conduttore di Superquark è stato il comportamento negligente del cameriere che non ha chiesto al giornalista di esibire il Green Pass. Ma Piero Angela non ha lasciato perdere e ha insistito affinché qualcuno verificasse la validità della sua certificazione. “I locali devono controllare il green pass. È sempre importante rispettare le regole, ma in questo momento ancora di più. Non possiamo lasciarci travolgere dalla quarta ondata“, afferma Piero Angela, prima di raccontare cosa gli è capitato pochi giorni fa in un ristorante di Roma.

Piero Angela su tutte le furie in un ristorante a Roma

Poco tempo fa sono andato a mangiare in un ristorante a Roma, in una giornata in cui il locale era particolarmente frequentato“, racconta il giornalista e divulgatore scientifico 92enne al Messaggero. “Il cameriere, per far prima, non mi ha controllato il green pass. Ho provato a richiamarlo, ma niente. A quel punto credo di aver anche gridato. Ho preteso civilmente, e infine ottenuto, il controllo. Non bisogna mai vergognarsi di chiedere il rispetto delle norme“, ha spiegato Angela. “I gestori devono tutelare la salute dei loro clienti. E se questo non avviene, sta a noi segnalarlo“, afferma il conduttore di Superquark senza esitazione.

No-vax? Angela: “Spero arrivino nuove restrizioni”

Mi stupisce come questa evidenza, pur documentata, non induca le persone incerte ad avere paura di una morte nove volte più vicina a loro che agli altri“, incalza a Il Messaggero. I ribelli alle regole sanitarie anti Covid, spiega Piero Angela, “hanno un atteggiamento completamente irrazionale, paragonabile a quelli che ho studiato in tanti anni di attività nel Cicap, che resiste anche di fronte all’evidenza. Per fortuna si tratta di una minoranza: personalmente – si augura Piero Angela – spero che arrivino ulteriori restrizioni per chi si oppone“.

 

 

 


Tag: Green passPiero Angela