Giga Grandi Cucine: “Avremo 40 lettere di licenziamento per Natale”

Rsu in Regione, Stefano Mediolani (lavoratore di Giga Grandi Cucine): "Abbiamo grandi professionalità da riconvertire"

newsby Emanuele De Lucia13 Ottobre 2021



Sindacati ed Rsu di Giga Grandi Cucine si sono riuniti nella sede della Giunta regionale toscana per discutere sul futuro dei lavoratori messi in cassa integrazione. L’obiettivo è applicare una moratoria alla liquidazione e al conseguente licenziamento dei 40 dipendenti per trovare un possibile acquirente e assicurare la produttività. Stefano Mediolani, lavoratore di Giga Grandi Cucine: “L’azienda ha ritirato la cassa integrazione il 27 settembre, all’insaputa sia della Giunta regionale che del Comune di Scandicci e la nostra Rsu. Il fatto che non sia stata segnalata ci ha lasciato allibiti. Giga Grandi Cucine non poteva aprire la procedura di liquidazione senza chiudere la cassa integrazione. Contando i 75 giorni che prevede la legge per i licenziamenti, il 20 dicembre ci troveremo con 40 lettere di licenziamento sotto l’albero di Natale. Vi lascio immaginare la nostra rabbia e la nostra indignazione verso questa situazione“.

Adesso la nostra Rsu e le istituzioni del comune di Scandicci stanno contrattando per portare a casa un risultato positivo come tutti noi speriamo. Nel nostro campo ci sono tante prospettive, l’importante è valorizzarle, dal settore della camperistica alla nautica e ai treni. Dopotutto anche i treni ad alta velocità necessitano di vagoni ristoranti e quindi cucine industriali. Visto che l’azienda è in liquidazione, presto qualcuno si farà avanti per rilevarla“, ha concluso Mediolani.


Tag: Firenze