Femminicidi, Casellati: “Non delitti passionali, vittime uccise perché donne”

Il convegno in Senato con Valeria Valente, presidente della Commissione d'inchiesta sui femminicidi: "Rafforzare i braccialetti elettronici"

newsby Redazione24 Novembre 2021



“I femminicidi non sono omicidi qualsiasi: sono donne uccise in quanto donne, vittime di una violenza che si nutre di ignoranza, pregiudizi e omertà”. Lo ha affermato la presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, al convegno ‘Donne uccise dagli uomini: i numeri di una strage. Dove sbagliamo?’ a Palazzo Madama.

“Quella che ci unisce anche oggi, alla vigilia della Giornata internazionale contro la violenza alle donne, è una battaglia di libertà, giustizia e civiltà che non possiamo permetterci di perdere – ha aggiunto Casellati -. È da affrontare insieme in difesa di ogni donna costretta a vivere inaccettabili condizioni di paura, pericolo, solitudine o vergogna.

Casellati: “Si lavori sul racconto dei fatti, non sono delitti passionali”


“La lotta contro la violenza sulle donne è una battaglia da combattere con determinazione e che non possiamo perdere – ha ribadito -. Il mio appello va anche alla comunicazione: i femminicidi vanno raccontati con le parole giuste, senza cadere nell’errore di parlare di delitti passionali o amore malato, questi sono inferni personali che nulla hanno a che vedere con i sentimenti”.

“Raccontiamo anche le storie che si risolvono positivamente dando voce alle testimonianze delle donne che si sono ribellate. Dobbiamo vincere questa battaglia per restituire a ogni donna vittima di violenza una reale alternativa e garantire il diritto a una vita nuova, libera da paura e sofferenza, ha concluso la presidente del Senato.

Femminicidi, Valente (Pd): “Rafforzare i braccialetti elettronici”


A margine del convegno in Senato, è intervenuta anche Valeria Valente, senatrice del Partito democratico e presidente della Commissione d’inchiesta sui femminicidi. “L’Italia si è dotata in questi anni di un impianto normativo robusto, non credo che possa invidiare gli altri Paesi. Bisogna però capire adesso perché le donne continuano a morire ammazzate”.

“L’unica vera sfida è quella di abbattere stereotipi e pregiudizi che continuano ad albergare anche le aule di giustizia – ha proseguito la senatrice dem -. La violenza maschile sulle donne non è mai un caso, ma una sperequazione di potere che oggi esiste tra uomini e donne. In ancora in troppi settori, ma anche tribunali, questa scommessa non è stata ancora vinta”.

Infine, la presidente della Commissione sui femminicidi, ha concluso: “Investiamo di più in formazione e specializzazione. Un giudice prima di ricoprire questo ruolo è una persona e se è cresciuto in un ambiente malsano non lascerà la sua mentalità a casa. Rafforzare i braccialetti elettronici è uno dei passi più concreti da fare.


Tag: FemminicidiMaria Elisabetta Alberti CasellatiValeria ValenteViolenza sulle donne